Crea sito

SULLA POESIA

​Tenzone

Tommaso Di Francesco

Ma… la poesia?

Eppure lì al Tonale

quella lenisce il male

nella casa di luce avita

si ridà senso e vita

tra le piante d’olio condisce

ripeto lenisce e sulla riva

alla fine arriva…

 

Donatello Santarone

Quello che dici è vero

Ma la poesia si nutre

Anche di un altro vero 

Che è fuori dai versi

E ci rende diversi.

 

Tommaso Di Francesco

Certo ci si nutre

di quel che poi putre

ma il verso solo resta

il sol dell’universo.

 

Velio Abati

Ah, Tommaso voce pubblica amico

so quanto di questo e d’un altro male

s’impasta la sillaba c’or non dico.

Ma sappiamo che ha senso, meglio: vale

 

se non si scarna, non s’india l’antico

ultimo dominio c’ancor ci assale.

La poesia è nello sterco, nell’intrico

di coscienza chiara e angoscia mortale.

 

La mia vita vedi tutta è ognor tesa

a nomar dell’olivo il sudore

e nei tram il sentore del ciliegio.

 

Ma comune, se diversa, è l’impresa

tu nel tumulto, io chiuso nel furore:

che ma più sia la vita un privilegio.

 

Tommaso Di Francesco

Nello sterco che ci sia

chiara appare la poesia

ma d’accademia la parola

fa l’invidia e la scarola

di potere profumata

mangia tu quest’insalata.

 

Donatello Santarone

Il nostro sogno antico

Di politica e poesia

Di accademia e di sezione

Di insalata e di scarola

Il nostro sogno antico

Di dialettica risuona

Antica e nobile parola.

 

Tommaso Di Francesco

Volete vasi comunicanti

volete versi mendicanti

la doppia oscurità resta il lavoro

l’umile nostro movimento reale

che sospesi ci farà del male

appesi tra laboratori di senso

carta letteraria di rovine

macerie terrestri e divine.

 

Donatello Santarone

Volete chi?

Chi siamo noi?

Chi tu sei?

Chi io che ti scrivo?

Tante domande

Per nominare il lavoro

Per non trasformarlo in oro.

 

Tommaso Di Francesco

In coro si trasforma il lavoro

tenendo la barra del versante.

 

Donatello Santarone

Questo lavoro offeso 

Non più difeso

Da chi ha tradito il coro

Per inseguire l'oro

Dobbiamo oggi rappresentarlo

Usando ancora la lente di Carlo.

6 ottobre 2016